Info&Ordini: +39 0931 1847100  |   +39 366.9291604SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 90€

calice da feudo ramaddini
Il vino è il protagonista indiscusso della tavola. Ed è per questo che non deve mancare mai quando si organizza un pranzo o una cena. In queste occasioni però ci si preoccupa sempre di scegliere il vino adatto da abbinare ad un determinato piatto tralasciando invece un altro aspetto molto importante: la scelta del bicchiere dove degustare il vino. Non è un caso se in commercio esistono tanti bicchieri dalle forme e dimensioni differenti. Aldilà di ogni aspetto e forma,  esistono comunque delle caratteristiche principali che deve presentare il bicchiere per valorizzare al meglio il proprio contenuto. Ad esempio, se stiamo per assaggiare un vino giovane e aromatico, bisogna consumarlo con bicchieri dalla classica forma “a tulipano”, con un fondo leggermente panciuto e un’imboccatura svasata. Questo permette di apprezzare al meglio i profumi freschi e gli aromi giovani, caratteristici di queste tipologie. Se invece scegliamo di portare in tavola un vino rosso giovane e a medio invecchiamento, abbiamo bisogno di bicchieri a fondo arrotondato con imboccatura larga, capaci di esaltare i profumi ela freschezza. Diversa la forma del bicchiere se si tratta di un vino rosso invecchiato a lungo. In questo caso viene richiesto il classico bicchiere chiamato “ballon”, caratterizzato da una forma arrotondata sul fondo e un imboccatura ristretta. Questa particolare forma permette di convogliare i profumi, complessi e delicati, al naso, evitando dispersioni che si potrebbero ottenere con una maggiore ossigenazione. Se invece si tratta di vini liquorosi e passiti, dobbiamo scegliere bicchieri di piccole dimensione ad imboccatura ristretta, per permettere un miglior apprezzamento degli aromi e per evitare un’eccessiva ossidazione. In generale è comunque necessario l’utilizzo del calice, e quindi del bicchiere con stelo, per almeno due motivi: mantenendo il bicchiere dalla base, o dallo stelo, si evita di riscaldare il vino con il calore corporeo; la distanza della mano dal bicchiere giova alla degustazione, tenendo lontani dal naso odori provenienti dal corpo, quali ad esempio il profumo sul polso. Una cosa comunque è certa: non è il vino che si adatta al bicchiere ma è il bicchiere che si adatta al vino. Come ogni piatto vuole il suo vino, ogni vino pretende il proprio bicchiere per esaltare al meglio le proprie qualità.

MediaLive per Feudo Ramaddini

Translate