Info&Ordini: +39 0931 1847100  |   +39 366.9291604SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 90€

cinema di frontiera 2017 marzamemi

Proprio quando Marzamemi, sta per essere “invasa” da turisti di tutto il mondo, come ogni estate, ecco che dal 24 al 30 luglio  si trasforma nella sala cinematografica a cielo aperto più grande e più a sud d’Europa in occasione della diciassettesima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Frontiera.
Sette giorni di proiezioni, quattro schermi in contemporanea, 80 film tra corti,lunghi e documentari,venti anteprime, due concorsi, due giurie, una rassegna retrospettiva e un workshop filmmaking.

Tutti i film che si potranno vedere gratuitamente a Marzamemi

Sei i film in concorso che si alterneranno sul grande schermo di piazza Regina Margherita, la sala cinematografica unica al mondo dove cielo, terra e mare sembrano incontrarsi.
Due le produzioni italiane e ben quattro le anteprime nazionali.
Si tratta di “La Guerra dei Cafoni” di Davide Barletti e Lorenzo Conte, 2017, Italia; “Sufat chol” (“Tempesta di sabbia“), di Elite Zexer, 2016, Israele (anteprima italiana); “Bienvenue a Marly-Gomont” di Julien Rambaldi, Francia, 2016 (anteprima italiana); “Die göttliche ordnung” (“L’ordine divino“) di Petra Volpe, Svizzera, 2017, (anteprima italiana); “Felicité” di Alain Gomis, 2017, Congo (anteprima italiana) e “La Stoffa dei Sogni” di Gianfranco Cabiddu, 2017, Italia.

Saranno invece cinque i film fuori concorso proiettati sotto il cielo stellato di Marzamemi in piazza Regina Margherita: “Tanna” di Bentley Dean e Martin Butler, 2016, Australia; “Raffaello” di Luca Viotto, un progetto firmato Sky, 2017; “The wind” di Victor Sjöström, (Usa), il film muto del 1928 che sarà accompagnato, come da tradizione, dalla musica dell’Ensemble Darshan; “Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta” di Morgan Neville, 2016, Usa e il film evento 40 anni dopo: “La febbre del sabato sera” di John Badham, 1977, Usa.

Per scaricare il programma completo della XVII Edizione del Festival Internazionale del Cinema di frontiera clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate